• 0
    Il tuo carrello è vuoto

Smaltimento batterie al piombo: come fare

Smaltimento batterie al piombo: come fare

13/06/2016

Tra i tanti materiali che spesso passano attraverso specifiche norme di smaltimento, uno dei più problematici è sicuramente quello che compone le batterie, specialmente quelle al piombo.

Gli step dello smaltimento delle batterie al piombo

Il primo passaggio per un corretto smaltimento delle batterie è quello della frantumazione.
Le batterie vengono portate ad un'area di stoccaggio apposita e viene poi portata al macero tramite dei rulli trasportatori.
Dopo la frantumazione, i resti delle batterie vengono portate in un sistema che si occupa della separazione della parte metallica della batteria dalle parti plastiche.
La parte metallica viene filtrata tramite una pressa, mentre il resto (che di solito è composto da un misto di plastiche e griglie metalliche) viene portato in un separatore idrodinamico che divide i metalli dalle plastiche grazie alle differenti densità dei materiali.
La parte plastica viene lavata e rotta in scaglie così da poter essere riciclata, mentre la parte metallica viene fusa in forni appositi per poi essere trasportata in impianti che regolano le emissioni di gas nell'atmosfera.
Il materiale viene diviso nel forno da solfato di piombo e ossido piombo a piombo metallo, che viene poi raffinato per poter essere riutilizzato.
Il piombo viene poi trattato con diverse procedure in base all'utilizzo che se ne andrà a fare, ad esempio tramite una raffinazione precisa si può ottenere un piombo privo di leghe come il rame e lo stagno.
Passando alla parte dolente dello smaltimento delle batterie, ovvero l'acido in esse contenute, questo viene smaltito durante l'operazione dei metalli dalle plastiche.
L'acido viene inviato all'impianto di neutralizzazione e, tramite un processo chimico, viene separato dai solidi disciolti e viene poi neutralizzato, così da ottenere dei valori nella norma.

Manutenzione delle batterie al piombo

Quando notiamo che la batteria non è più efficiente, non mantiene a lungo a lungo la carica è tempo di smaltirla. Le cause principali che portano al suo esaurimento sono:

  • temperature elevate
  • lunghi intervalli di inutilizzo
  • batteria conservata scarica
  • carica incompleta

Dopo lo smaltimento quale batteria al piombo acquistare?

Una volta effettuato lo smaltimento, è opportuno ponderare la scelta delle batteria al piombo da acquistare.
Al contrario di ciò che si pensa, infatti, non tutte le batterie sono uguali e non si tratta soltanto del diverso voltaggio.
Nel caso specifico delle batterie al piombo la principale differenza è tra batterie AGM e batteria al gel.
In definitiva, bisogna ponderare l'acquisto di qualsiasi oggetto si voglia acquistare, controllando fattori (nel caso di una batteria) come il tipo di alimentazione, la durata, il voltaggio, i materiali e, ultimo ma non ultimo, il brand.

Argomenti

Prodotti correlati


Sei un rivenditore?