• 0
    Il tuo carrello è vuoto

Docking station: cosa sono, come funzionano e a cosa servono

Docking station: cosa sono, come funzionano e a cosa servono

11/11/2019

L’innovazione tecnologia è sempre più veloce, tuttavia non è facile utilizzare dispositivi differenti, soprattutto quando si hanno delle esigenze particolari. In questo caso un’ottima soluzione son le docking station, apparecchi che consentono non solo di ricaricare lo smartphone e altri device, ma anche di connettere terminali diversi utilizzando delle porte USB o Thunderbolt, in base al modello. Vediamo come funzionano le docking station, a cosa servono e come scegliere quella giusta.

 

Cosa sono le docking station

Le docking station sono dei dispositivi hardware, che possono essere collegati ad apparecchi differenti a seconda del modello, come smartphone e pc portatili. Si tratta in particolare di un supporto per la ricarica e la memorizzazione, un apparecchio simile a un normale hard disk esterno, munito di una serie di porte attraverso le quali inserire i cavi per la connessione con i vari device.

L’utilizzo delle docking station è sempre più diffuso oggigiorno, poiché evita l’installazione di componenti aggiuntive, in quanto basta collegare il dispositivo al terminale con un normale cavo USB. Ciò è molto utile quando bisogna connettere device differenti, non compatibili direttamente, quindi basta usare una docking station per collegare ad esempio al notebook una memoria esterna, oppure un hard disk allo smartphone.

A seconda del modello l’alimentazione può essere integrata, altrimenti è necessario collegare la docking station alla batteria del pc. Per quanto riguarda le porte ogni dock ha delle opzioni, quindi esistono prodotti compatibili con le uscite USB 3.0, 2.0, USB Type-A o C, oppure le moderne Thunderbolt 3, le più sofisticate attualmente disponibili, in grado di trasmettere dati a una velocità fino a 40 Gbps. Alcuni apparecchi invece propongono dei collegamenti universali, perciò è possibile utilizzarli con quasi tutti i device in commercio.

A cosa servono le docking station

Le docking station sono dei dispositivi tecnologici sempre più richiesti e apprezzati, poiché offrono diversi vantaggi. Ad esempio si tratta di apparecchi molto comodi da usare, i quali consentono di ricaricare lo smartphone in maniera estremamente pratica, oppure di collegare device differenti senza installare driver o altre componenti. Inoltre funzionano come una vera e propria periferica, quindi si possono connettere vari apparecchi allo steso tempo, utilizzando delle porte compatibili.

Da non sottovalutare è la versatilità delle docking station, in grado di adattarsi senza problemi a device molto diversi tra loro, soprattutto i modelli universali. I prodotti di brand, invece, specifici per alcuni dispositivi come le docking station Samsung, offrono spesso prestazioni elevate, permettendo di aumentare le performance del device quando si effettua la ricarica, oppure nel momento in cui si collegano delle periferiche esterne, come hard disk e memorie SD.

Come scegliere la docking station giusta

Prima di acquistare la docking station è importante verificare alcuni aspetti, di modo da comprare il modello più adatto alle proprie esigenze. Innanzitutto bisogna controllare le porte disponibili, in base alla tecnologia presente sul proprio dispositivo, verificando che entrambe siano compatibili. Nella maggior parte dei device moderni si possono trovare porte USB-C 3.0, mentre pc portatili come quelli della Apple, oppure i top di gamma della Dell, HP e Lenovo offrono le nuovissime Thunderbolt 3.0, in grado come abbiamo visto di trasmettere dati a velocità elevate.

Dopodiché è indispensabile pensare all’utilizzo della docking station, in quanto ogni prodotto è pensato per delle esigenze specifiche. Se ad esempio devi condividere il dispositivo con vari terminali, oppure con apparecchi di altre persone, conviene optare per un modello dotato di attacchi universali, in grado di soddisfare ogni necessità. Al contrario, se utilizzi la dock soltanto per il tuo laptop puoi acquistare un prodotto compatibile, che funzioni perfettamente soltanto con il tuo notebook o smartphone.

Allo stesso tempo è importante considerare se devi spostarsi di frequente, poiché in questo caso avrai bisogno di una docking station piccola e compatta, mentre se l’uso è fisso potrai scegliere un prodotto più grande e potente. Ugualmente devi fare per l’alimentazione, perché se la dock va tenuta in casa o in ufficio non serve un sistema integrato, altrimenti è essenziale la presenza di un alimentatore interno. Ciò è rilevante soprattutto se la dock ti serve per collegare lo smartphone, infatti avrai sicuramente bisogno di un modello con alimentazione integrata.

Quanto costano le docking station

I prezzi delle docking station dipendono dalla qualità del modello, dalla tecnologia adoperata, dal tipo di porte disponibili e dal sistema di alimentazione. In generale le docking station per smartphone con funzione esclusiva di caricamento, quindi senza altre porte, sono piuttosto economiche, con un costo a partire da 2/3 euro in su. Al contrario quelle con porte USB e altri alloggiamenti sono leggermente più care, con un prezzo dai 6/8 euro fino ai 20 euro circa per i modelli più esclusivi.

Le docking station per notebook sono ovviamente più costose, infatti per acquistare un prodotto economico è necessario spendere almeno 30/40 euro, mentre un modello tecnologicamente avanzato e di buona qualità può costare anche 80/100 euro, in base alle funzionalità disponibili. Nel complesso le docking station sono sicuramente un dispositivo molto utile, consentono di ridurre i fili, permettono di ricaricare vari apparecchi compatibili, inoltre si possono collegare in maniera pratica periferiche esterne, ottimizzando lo spazio d’ingombro.

Argomenti


Sei un rivenditore?